Marina Grande il porto principale di Procida

15/06/2020

Quando si pensa ad una vacanza sull’isola di Procida la prima immagine che nella mente ci affiora è il porto di Marina Grande, unico porto commerciale dell'isola. Raggiunta l’isola in aliscafo o in traghetto, ci si trova di fronte a Palazzo Montefusco, un palazzo edificato nel XII secolo che per la sua stupenda merlatura è soprannominato palazzo "Merlato".

In realtà fino a qualche decennio fa Palazzo Montefusco era più conosciuto come "Palazzo Catena" in quanto il vialetto posteriore che permetteva la via ai passanti era sbarrato appunto da una catena. Grazie alla sua maestosità, alla bellezza e alla vicinanza al porto, Palazzo Montefusco in passato era utilizzato come dimora estiva del re. Per qualche decennio il palazzo fu adibito a convento, mentre ad oggi è custodito gelosamente dai proprietari procidani, che lo hanno reso un vero e proprio fiore all’occhiello del paese.

Scendendo dal traghetto, è possibile suddividere Marina Grande in due grandi ale. Di fronte a destra si possono ammirare numerosi magazzini scavati nella pietra di tufo. Questi un tempo venivano utilizzati dai pescatori locali come deposito di rimessaggio per le barche durante l'inverno. Alla destra della banchina denominata appunto "sotto le grotte", è presente la stazione marittima e subito dietro i cantieri navali. A costeggiare i cantieri navali Procidani, si trova la splendida spiaggia di Marina Grande di Procida, separata attraverso da una scogliera e dalla spiaggia di “si lurenza”.

La vita socio-economica di Procida? Il porto di Marina Grande! 

Una volta scesi dal traghetto e si inizia a percorre la strada sulla sinistra, si percorre via Roma. Già dopo aver percorso i primi passi è possibile ammirare nel centro della piazza di Marina Grande uno splendido crocifisso ligneo costruito nel 1845 dai marinai locali a testimonianza della loro immensa fede e devozione. Percorrendo la strada si possono ammirare le numerose case, dipinte di vari colori a pastello, che come da tradizione consentiva ai naviganti ed ai pescatori procidani, di individuare le proprie abitazioni anche in mezzo al mare. Oggi via Roma, è una strada altamente turistica, gremita di bar, pizzerie e ristoranti dove è possibile gustare deliziosi piatti a base di pesce fresco.

Continuando il cammino sulla sinistra del porto di Marina Grande, dopo aver ammirato la chiesa di Santa Maria della Pietà, proseguendo per qualche metro il cammino è possibile ammirare il porticciolo turistico, fino a raggiungere l'edifico al civico 10, una volta albergo della Vittoria. Fu proprio l'albergo della Vittoria ad ospitare Alfonse de Lamartine autore del celebre romanzo la Graziella, che ad oggi rappresenta la tipica bellezza procidana. Continuando il cammino e superato si incontra l'istituto Nautico che con i suoi quasi 200 anni rappresenta l'istituto nautico più antico d'Europa.

Pur conservando l’atmosfera tipica di un isola di pescatori, dove si vende ancora il pesce fresco appena pescato dalle paranze, Marina Grande rappresenta il centro economico è sociale dell’isola.

Share on: